A Natale, si sa, il cibo gioca un ruolo da protagonista, soprattutto in Puglia dove c’è un forte connubio tra gastronomia e feste natalizie. Le ricette sono tante, le più tipiche spaziano dal baccalà in umido o fritto all’anguilla arrostita con alloro, dall’agnello al forno con lambascioni e patate al tipico cuturidd’ (stufato di agnello con verdure e spezie cotto per tre ore in una pentola in terracotta)…tra la vigilia e il pranzo di Natale in Puglia c’è solo da leccarsi i baffi!

Ma cosa succede se ad una tavola pugliese si siede un vegetariano? Carne e pesce sono assolutamente banditi e quindi cosa si fa? Senza scoraggiarsi o rinunciare alla tradizione, in cucina ci si organizza per accontentare tutti i commensali, pescando tra le ricette tipiche quelle adatte ai nostri ospiti.

Orecchiette pugliesi con cime di rapa Senza pensarci troppo, ecco che la prima idea a venirci in mente è la regina delle ricette pugliesi: le orecchiette con le cime di rapa. Questo è il piatto tipico più rappresentativo della Puglia, cucinato in tutta la regione anche nella sua variante rossa, e cioè col sugo di pomodoro; la cottura ottimale delle verdure con la pasta fa di questo piatto una prelibatezza ottima anche per un pranzo natalizio! Attenzione però alla mantecatura finale, da evitare assolutamente le alici nel soffritto con aglio e olio!

A precedere questo primo piatto, una serie di antipasti “spezza-fame” come le pettole o i tipici scaldatelli pugliesi, taralli dalla forma tonda o allungata, nelle varianti al peperoncino, alla cipolla, ai semi di finocchio, alle olive; o ancora, con i lampascioni lessi leggermente schiacciati e conditi con olio e pepe si può ottenere un antipasto semplice dal sapore intenso e leggermente amarognolo, oppure, come usano nel Salento, si possono friggere uno ad uno, facendo allargare nell’olio bollente i vari strati che li compongono, fino a farli assomigliare a rose dischiuse.

Il pranzo può proseguire con panzerotti fritti con ripieno di pomodoro e mozzarella, caponata pugliese (verdure soffritte e condite con capperi e peperoncino), funghi cardoncelli gratinati, melanzane e zucchine ripiene, che di certo non faranno rimpiangere frittelle di baccalà, agnello al forno o cozze alla tarantina.

cupeta pugliese

 

Infine i dolci natalizi: cartellate, torrone, purcedduzzi, fichi secchi, pasticceria di mandorle, calzoni di castagne, mostaccioli, cupeta e frutta secca per chiudere il vostro pranzo in bellezza e fare bella figura con i vostri speciali ospiti.